II dintorni di Cingoli

Arte e Cultura italiana a Cingoli

Assieme al pittoresco ambiente naturalistico di Cingoli, questa fetta del territorio maceratese offre ai visitatori tanti piccoli gioielli della natura e dell'arte; importante comune, contiguo a quello di Cingoli, è San Severino Marche, che vanta le sue origini già nel paleolitico inferiore e che divenne luogo di insediamento dei piceni, la prima civiltà significativa di cui sia rimasta traccia in questa zona. In questo luogo sorge, nel 268 a.C. per opera dei romani, la città di Septempeda, che diverrà municipio nel I sec. a.C. e di cui sono ancora visitabili le rovine costituite dalle terme, da una parte delle mura difensive e dai resti di due porte di accesso all'acropoli, situate nella zona archeologica lungo la strada statale, a un chilometro circa dal nucleo urbano.

In epoca alto-medievale la città fu ricostruita e ribattezzata Severino, dal nome di un vescovo locale. Dalla seconda metà del 1400 circa, essa passa sotto il dominio della Chiesa ed è proprio a questo periodo che risalgono le più significative opere architettoniche, rappresentate dalla Basilica di San Lorenzo in Doliolo, la Chiesa di San Domenico, la quattrocentesca Chiesetta della Maestà e la piccola Chiesa di Santa Maria del Cesello, abbellite da considerevoli affreschi, e quelle pittoriche raccolte nella collezione della Pinacoteca Comunale che offre al pubblico soprattutto opere di pittori locali e di rappresentati di spicco della scena artistica italiana, tra cui il Pinturicchio e Paolo Veneziano.

Arte e Cultura italiana a Cingoli

A poche decine di chilometri da Cingoli, nella valle dell'Esino, sorge il più noto comune di Jesi, ricco di monumenti e luoghi d'arte da visitare, tra i quali spiccano per la loro importanza il Duomo, il Palazzo Balleani, prestigioso esempio di barocco locale, il Convento settecentesco di San Floriano, le mura medievali, la chiesa gotica di San Marco, il quattrocentesco Palazzo della Signoria, il neo-classico Palazzo Ricci, il Teatro Giovanni Battista Pergolesi eretto in onore del grande compositore jesino, il capolavoro del Rococò italiano rappresentano dal Palazzo Pianetti, la chiesa di Santa Maria delle Grazie e quella di San Nicolò.

Arte e Cultura italiana a Cingoli

Nella località di Valcarecce si trova il Museo del Sidecar, ricco di pezzi unici e di modelli tra i più rappresentativi dalla fine del secolo sorso ai giorni nostri; qui si possono ammirare carrozzini utilizzati per il trasporto di merci, motocarrozzette da corsa, sidecars snodati, mezzi utilizzati durante le due guerre mondiali, mezzi appartenuti a personaggi celebri o adoperati in opere cinematografiche, cicli e motocicli con sidecar, il sidecar più lungo del mondo (Bohmerland, 1932), quello più largo (Indian Chief, 1946), quello più piccolo (Excelsior Corgi, 1946) e quello più grande (BMW R75, con tre rimorchi).

La collezione privata, integrata e arricchita da documenti originali, fotografie e filmati, è composta da circa 100 esemplari ed è visitabile su richiesta, telefonando e prenotandosi al numero 0733602651.

Agriturismo nelle MarcheGuest House Marche Italy